#GALATEO LINKEDIN: LE REGOLE PROPOSTE DAI RELATORI NELLA TERZA TAPPA A BOLOGNA

Cos’è Lorem Ipsum? Lorem Ipsum è un testo segnaposto utilizzato nel settore della tipografia e della stampa. Lorem Ipsum è considerato il testo segnaposto standard sin dal sedicesimo secolo, quando un anonimo tipografo prese una cassetta di caratteri e li assemblò per preparare un testo campione. È sopravvissuto non solo a più di cinque secoli, ma anche al passaggio alla videoimpaginazione, pervenendoci sostanzialmente inalterato. Fu reso popolare, negli anni ’60, con la diffusione dei fogli di caratteri trasferibili “Letraset”, che contenevano passaggi del Lorem Ipsum, e più recentemente da software di impaginazione come Aldus PageMaker, che includeva versioni del Lorem Ipsum.

Si è conclusa lunedì la terza tappa di #GalateoLinkedIn Tour a Bologna. Ogni tappa mi offre la conferma che i temi che portiamo avanti come professionisti sono centrali e attuali più che mai in un mondo del lavoro che si digitalizza e diventa sempre più fluido e che vuole curare le relazioni.

Gli interventi dei due relatori sono stati coinvolgenti e hanno stimolato delle interessanti riflessioni.

Il primo relatore, Alessandro Camilleri, Head of Learning and Development presso Hera, ha sviluppato il suo intervento a partire dalla sua personale esperienza professionale dal 2002 quando Linkedin faceva la sua prima apparizione e quando contemporaneamente l’azienda per cui lavorava comunicava la cassa integrazione. Ecco alcune considerazioni:

  • Uno dei primi strumenti di selezione di risorse è Linkedin
  • Il 100% dei cv che arrivano ad un’azienda prima o poi passano attraverso LinkedIn
  • Le aziende hanno necessità di fissare delle regole sulla presenza dei propri dipendenti su Linkedin tenendo a mente che poche regole creerebbero un caos destrutturato, troppe un ambiente coercitivo

E Camilleri suggerisce alcune regole d’oro:

  • Sii costante nell’utilizzo di Linkedin
  • Rispetta il diritto d’autore
  • Evita di pubblicare informazioni riservate
  • Segnala gli abusi aiutando a proteggere l’immagine aziendale

Il secondo relatore, Massimilano Nucci, Human Resource Manager Italy presso KEMET Electronics Corporation, ci ha spiegato ciò che gli piace vedere su LinkedIn e quello che vorrebbe vedere di più.

Alcune cose che vorrebbe trovare meno:

  • i post fuori contesto, ad esempio gli affronti politici
  • le richieste di collegamento a raffica senza personalizzazione
  • la mancata risposta a comunicazioni dirette e messaggi

Alcune cose che vorrebbe trovare di più su LinkedIn:

  • leggere contenuti di valore
  • ricevere curriculum coerenti con il job posting
  • ricevere feedback o comprendere di essere apprezzato per le proprie competenze
  • trovare contenuti che parlano di innovazione e risoluzioni a problemi

E tu, che cosa vorresti vedere di più e trovare di meno in quanto membro di Linkedin?

galateolinkedin-bologna-talentieventi-01 galateolinkedin-bologna-talentieventi-02 galateolinkedin-bologna-talentieventi-04 galateolinkedin-bologna-talentieventi-05 galateolinkedin-bologna-talentieventi-06 galateolinkedin-bologna-talentieventi-12 galateolinkedin-bologna-talentieventi-13 galateolinkedin-bologna-talentieventi-14 galateolinkedin-bologna-talentieventi-15 galateolinkedin-bologna-talentieventi-16 galateolinkedin-bologna-talentieventi-17 galateolinkedin-bologna-talentieventi-18 galateolinkedin-bologna-talentieventi-19 galateolinkedin-bologna-talentieventi-21 galateolinkedin-bologna-talentieventi-22 galateolinkedin-bologna-talentieventi-24

galateolinkedin-bologna-talentieventi-26

Puoi leggere i tweet e i post della diretta social nello storify dedicato a Bologna


Photo Credit copertina: Gabriele Garofalo

Photo Credit gallery: TalentiEventi