L’acciuga o di quando scoprii una o due cose di me

acciuga-biennale-giovani-artisti-torino-1997-talentieventi

Era il 1997. Avevo 15 anni. Allora come oggi ricordo che volevo imparare. E allora come oggi mi buttavo nell’azione per farlo.
Partecipai come volontaria culturale per l’ottava edizione della Biennale dei giovani artisti dell’Europa e del Mediterraneo ospitata quell’anno a Torino.
Parteciparono più di 600 artisti da oltre 20 paesi realizzando decine di attività, performance, incontri e coinvolgendo più di 130.000 spettatori.

Fu un’esperienza per me indimenticabile nelle sale della suggestiva Cavallerizza Reale.
Il lavoro in team, l’accoglienza del pubblico, il problem solving per supportare gli artisti e fare fronte alle emergenze, i dialoghi in inglese.
Quello fu uno dei momenti in cui compresi che il relazionarmi agli altri era davvero tutto ciò che mi interessava.
E sempre lì che un buon team di lavoro è composto da talenti variegati che si rispettano e si completano.
Ricordo ancora di quelle giornate la soddisfazione, quell’appagamento fisico e viscerale che avverto quando faccio ciò che amo fare. Credo fu una di quelle esperienze che segnarono il mio percorso: la possibilità di essere di supporto agli artisti e ai visitatori, l’amore per l’arte e gli eventi, il lavoro in team in contesti internazionali.

E di nuovo a Torino giovedì 16 marzo si festeggia ‘Il ritorno dell’acciuga‘ al Cap 10100 con musica, performance e nuovi e vecchi scambi come quelli di cui mi nutrii in quei giorni di aprile di – wow!- 20 anni fa.

Saranno tantissimi gli artisti presenti e invitati alla serata di giovedì: Party Kidz, Fratelli di Soledad, Mao, Powerillusi, Carletto e gli Impossibili ovvero un mix fra Knock Out e Funky Lips insieme ad una super band formata dallo staff che lavorò alla Biennale nel ’97. Introdurrà la serata il giornalista Marco Basso che in questi anni ha fatto parte delle giurie BJCEM che hanno selezionato gran parte dei musicisti presenti.

E poi contributi audio, video, di racconto e memoria di tantissimi altri che in quei giorni animarono Torino con le loro opere, o che in qualche edizione della Biennale – dalla prima del 1985 a Barcellona all’ultima del 2015 a Milano – hanno vissuto attraverso questa pacifica invasione d’arte una esperienza fondante della propria carriera artistica.Fra questi un set fotografico allestito da Michele D’Ottavio e Luigi Bertello e gli indimenticabili video di Cocito & Pastore. Il concerto sarà aperto dagli Zyp, vincitori del vincitori di Pagella Non Solo Rock 2015.


Il ritorno dell’acciuga
Giovedì 16 marzo – ore 21 – Cap10100 – Corso Moncalieri 18, Torino

http://www.bjcem.org
http://www.bjcem.org/festa_venti_anni_biennale_torino/