RENATO GUTTUSO. L’arte rivoluzionaria nel cinquantenario del ’68

renato_guttuso_talenti_eventi_gam_torino_11

 

Nel cinquantenario del ’68 la GAM – Galleria Civica d’Arte moderna e contemporanea di Torino dedica una splendida mostra ai dipinti di Renato Guttuso di cui si è celebrato il trentennale dalla morte nel 2017.


 

Due anni fa, incinta di otto mesi, io e mio marito in un weekend romantico a Palermo abbiamo visitato Bagheria con la sua bellissima Villa Palagonia e avremmo voluto visitare anche Villa Cattolica che ospita numerose opere del pittore oltre alla sua tomba, realizzata in marmo dall’amico e scultore Giacomo Manzù. Purtroppo, in quel periodo Villa Cattolica era chiusa per restauro. Quella visita non realizzata mi ha lasciato un desiderio pungente di vedere dal vivo le opere di Guttuso, una curiosità che la navigazione web non aveva placato. Avevo letto della vita di Guttuso, del suo coinvolgimento politico e sociale, della sua incredibile spinta creativa e del suo temperamento passionale al punto da essere soprannominato da uno dei suoi amici più cari “Sfrenato Guttuso”. E così la mostra alla Gam inaugurata il 23 febbraio 2018 ha creato un’occasione perfetta per soddisfare la mia curiosità.

Renato Guttuso nasce a Bagheria, in Sicilia, il 26 dicembre 1911 padre era un acquerellista dilettante e Renato fin da bambino manifesta inclinazione per la pittura. A 13 anni realizza i primi quadri, per lo più copie di paesaggi siciliani e di artisti suoi contemporanei. Nel 1928, a soli 17 anni, partecipa alla sua prima mostra collettiva a Palermo. Visse per un periodo a Milano per poi trasferirsi a Roma

Il dipinto che gli diede la fama fu La Crocifissione (1941) insieme alle polemiche per aver ritratto iun soggetto sacro all’interno di un’opera di denuncia degli orrori della guerra. Di esso Guttuso scrisse « è il simbolo di tutti coloro che subiscono oltraggio, carcere, supplizio per le loro idee».

La mostra raccoglie circa 60 opere provenienti da importanti musei e collezioni pubbliche e private europee. Sono le tele a soggetto politico e civile a dominare la scena, quelle dipinte tra la fine degli anni ’30 alla metà degli anni ’60.

Nell’ottobre del 1967, cinquantesimo anniversario della rivoluzione d’ottobre, Renato Guttuso scriveva su Rinascita, rivista politico-culturale del Partito Comunista Italiano, un articolo intitolato Avanguardie e Rivoluzione, nel quale il pittore riconosceva alla rivoluzione il titolo inconfutabile e meritorio di essere stata il fondamento di una nuova cultura, con la quale profondamente sentiva di identificarsi e che lo induceva a chiudere il suo scritto con l’esplicita professione di fede: “L’arte è umanesimo e il socialismo è umanesimo”.

Guttuso era stato, a partire dagli anni della fronda antifascista e tanto più nel secondo dopoguerra, un artista che, come pochi altri in Italia, si era dedicato con perseverante dedizione e ferma convinzione a ricercare una saldatura tra impegno politico e sociale ed esperienza creativa, nella persuasione che l’arte, nel suo caso la pittura, possa e debba svolgere una funzione civile e sia costitutivamente dotata di una valenza profondamente morale.

A partire da un dipinto quale Fucilazione in campagna del 1938, ispirato alla fucilazione di Federico Garcia Lorca, che a buon diritto può essere assunto a incunabolo di una lunga e ininterrotta visitazione del tema delle lotte per la libertà, per giungere alla condanna della violenza nazista, nei disegni urlati e urticanti del Gott mit uns (1944) e successivamente, dopo i giorni tragici della guerra e della tirannia, alle intonazioni di una reinventata epica popolare risuonanti in opere nuove per stile e sentimento come: Marsigliese contadina (1947) o Lotta di minatori francesi (1948) e Battaglia di Ponte dell’Ammiraglio (1955) che, a causa del grande formato, ha richiesto una gru per essere posizionato in loco. Un grande, ininterrotto racconto che approda, negli anni Sessanta a risultati di partecipe testimonianza militante, come in Vietnam(1965) o a espressioni di partecipe affettuosa vicinanza, come avviene, nel richiamo alle giornate del maggio parigino, con Giovani innamorati (1969) e più tardi, in chiusura della rassegna, a quel compianto denso di nostalgia che raffigura i Funerali di Togliatti (1972) e in cui si condensa la storia delle lotte e delle speranze di un popolo e le ragioni della militanza di un uomo e di un artista.
A nostro avviso la sola lettura politica è limitante e non riconosce l’intera attività pittorica dell’artista che è uno dei punti di riferimento del neorealismo italiano del secondo Novecento per i temi sociali quanto e riconoscibile nei soggetti ispirati alla sua terra natia, la Sicilia. Una terra che offre all’artista straordinari scorci di quotidiano, che egli sviluppa nel tema della natura morta: interni con cesti e fischi, frutta, agli e cactus, tendaggi colorati: tutto parla di una terra dalle profonde contraddizioni ma ricca di colori caldi e di emozioni.
In mostra troviamo un repertorio variegato di opere di differente soggetto: ritratti e autoritrattipaesagginature mortenudivedute di interno, scene di conversazione. Quadri tutti coevi ai tempi di esecuzione dei dipinti di ispirazione politica e sociale, selezionati con il proposito di offrire indiscutibile prova dei traguardi di alta qualità formale conquistati da Guttuso nell’esercizio di una pittura diretta e schietta.
Tra queste troviamo Donna alla finestra (1942), Boogie-Woogie (1953) e due nudi posizionati in una stanzina laterale, un “boudoir” come lo ha chiamato la stessa direttrice Carolyn Christov Bakargiev non senza le polemiche del curatore stesso che si è dichiarato contrario alla scelta antimisogina della direzione in conferenza stampa.
Mentre visitavo la mostra è nato un piccolo confronto con alcuni colleghi in merito allo stile dell’artista che non incontravano il gusto di alcuni.
Il mio occhio apprezza l’estetica di Guttuso per la ricchezza e la passione delle forme. E per apprezzare l’intera produzione artistica occorre osservare i ritratti, i nudi, le nature morte e i momenti sociali da lui ritratti per comprendere appieno la sua spinta politica e umanistica. E viceversa. Osservando i suoi dipinti a vocazione sociale anche la restante produzione diventa pura e schietta.

A volte mi chiedo che cosa dipingerebbe quell’artista se vivesse adesso. Me lo sono chiesta anche per Renato. E diventa un interessante volo pindarico, non senza una riflessiona sociale e politica come penso apprezzerebbe lui stesso.

renato_guttuso_talenti_eventi_gam_torino_1 renato_guttuso_talenti_eventi_gam_torino_2 renato_guttuso_talenti_eventi_gam_torino_3 renato_guttuso_talenti_eventi_gam_torino_4 renato_guttuso_talenti_eventi_gam_torino_5 renato_guttuso_talenti_eventi_gam_torino_6 renato_guttuso_talenti_eventi_gam_torino_7 renato_guttuso_talenti_eventi_gam_torino_8 renato_guttuso_talenti_eventi_gam_torino_9 renato_guttuso_talenti_eventi_gam_torino_10 renato_guttuso_talenti_eventi_gam_torino_11 renato_guttuso_talenti_eventi_gam_torino_12 renato_guttuso_talenti_eventi_gam_torino_13 renato_guttuso_talenti_eventi_gam_torino_14 renato_guttuso_talenti_eventi_gam_torino_15

renato_guttuso_nudi_donne_boudoir_Gam_Corriere_della_sera

Non ti sono bastate le foto qui nel post? Trovi una raccolta delle opere di Renato Guttuso sul profilo Pinterest  di TalentiEventi


RENATO GUTTUSO. L’arte rivoluzionaria nel cinquantenario del ’68

Dal 23 febbraio al 24 giugno 2018
GAM – GALLERIA CIVICA D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
Via Magenta, 31 – 10128 Torino